New York City via Lumix DMC-LX3

Da un po’ di tempo a questa parte si sta discutendo nella nostra redazione sulla possibilità di pubblicare, saltuariamente, post contenenti unicamente immagini. In sostanza si tratta di mini gallery che vorremmo sviluppare intorno a temi diversi, del quotidiano, personale e soggettivo che può caratterizzare il mio occhio da quello di Luca, Carlo, Francesca, Giulia, Andrea, Pietro e così via. Continua a leggere

One day in Brooklyn – racconto di una camminata

Manhattan vista dal ponte di Brooklyn

Manhattan vista dal ponte di Brooklyn

Se non ci siete mai andati, sappiate che siete molto in ritardo.
Come lo eravamo noi, d’altronde.
Certo se non avete mai messo piede nella grande mela, questo è ancora più grave, ma purtroppo per voi ci possono essere mille motivi per i quali non ne avete avuto la possibilità e non indagherò. Tuttavia, non avere mai visto Manhattan dall’altro lato dell’Hudson è qualcosa che una volta almeno occorre provare.
Voi che ne dite? Continua a leggere

Cronache da Baku – 2. il diavolo è nei dettagli

Anche dall’interno della città vecchia, datata 1200 e patrimonio dell’UNESCO, le fiamme della modernità supersonica di questo paese sembrano assediare la storia. Spuntano dappertutto anche da dietro le finestre protette che consentivano alle varie mogli del re di vedere senza essere viste e di prepararsi alla preghiera serale in una stanza minuscola attigua alla moschea dei maschi priva dei pregiati tappeti di seta e con una porta più bassa del normale per ricordare loro di inchinarsi al dio, maschio.

FLAMES ON OLD CITY

Ma quei tempi per le donne sono passati (abbastanza passati): il paese è laico nonostante la maggioranza mussulmana e dimostra, con la presenza di centri di culto di tutte le religioni, sinagoghe comprese, che la religione non è “the main issue” , il vero obiettivo qui è la patria, il petrolio, gli affari e l’orgoglio nazionale.

Le donne sono libere e ricoprono ruoli rilevanti nella società.

Continua a leggere

Tra fuoco e vento – Cronache da Baku (1. dov’è già baku?)

Se siete fortunati e arrivate in una serata limpida, vi godrete la discesa verso la città di Baku, la città del vento, ammirando per una buona mezz’ora un paesaggio roccioso e scuro: la catena montuosa del Caucaso e il fiume Kuma, che ha già visto molto petrolio nel suo tragitto, arrivano placidamente al mare, il mar Caspio, quello chiuso.

Ad attendervi troverete un aeroporto un po’ vecchiotto ma pulitissimo e tanti agenti di polizia.

Ecco tenete a mente questi due primi indizi, igiene e polizia, perché saranno una costante nel vostro soggiorno a Baku, insieme a (elenco random): marmi lucidissimi, ensemble uomini fuori dai negozi accovacciati a parlottare, gioco del backgammonipertricosigentilezza e scarpe a becco di papera.

Continua a leggere

GranTouristas – Pictures at an Exhibition (bonus track)

Finissage a Venessia

Continua a leggere

GranTouristas – 8. Fever

Ultimi giorni prima della chiusura folks, questo weekend è l’ultimo della Biennale di quest’anno e chissà martedì prossimo cosa leggerete su queste prestigiose colonne.
(perchè non vengo a seppellire cesare)

Altresì giova ricordare che questo è solo l’inizio e che con tutta probabilità GranTouristas riciccerà nelle vostre teste, nelle agende e, per queli che credono, anche sotto l’albero di Natale (una GBxGT è per sempre).

GBxGT contribution di Elisa Ossino

Facciamo un po’ i seri oggi:
Una (apprezzabile) critica interna a GranTouristas è stata che non c’era progettualità, che è tutto un gran parlare, che è una gigionata piacionica mitopoietica e autoreferenziale per vanesi artistazzi e insopportabili creativòni (non che con questo se ne sia voluto dir male).
Continua a leggere

GranTouristas – 7. The b0at goes on

Count down per la zarzuela finale:
la ghenga di aficionados GT compra galosce e gonfia ciambelle salvagente perchè da qui a una settimana iniziano i giorni conclusivi del primo giro di GT e solo ieri l’acqua alta era a 120 sul medio mare.

Certo che lo troverete di giovamento eccovi un memorandum per uso interno ed esterno.

courtesy of luca lardera

Continua a leggere