New York City via Lumix DMC-LX3

Da un po’ di tempo a questa parte si sta discutendo nella nostra redazione sulla possibilità di pubblicare, saltuariamente, post contenenti unicamente immagini. In sostanza si tratta di mini gallery che vorremmo sviluppare intorno a temi diversi, del quotidiano, personale e soggettivo che può caratterizzare il mio occhio da quello di Luca, Carlo, Francesca, Giulia, Andrea, Pietro e così via. Continua a leggere

One day in Brooklyn – racconto di una camminata

Manhattan vista dal ponte di Brooklyn

Manhattan vista dal ponte di Brooklyn

Se non ci siete mai andati, sappiate che siete molto in ritardo.
Come lo eravamo noi, d’altronde.
Certo se non avete mai messo piede nella grande mela, questo è ancora più grave, ma purtroppo per voi ci possono essere mille motivi per i quali non ne avete avuto la possibilità e non indagherò. Tuttavia, non avere mai visto Manhattan dall’altro lato dell’Hudson è qualcosa che una volta almeno occorre provare.
Voi che ne dite? Continua a leggere

Film carini – Argo, Ben Affleck (recensione in anteprima).

Ci sono due piccole precisazioni che vorrei fare prima di iniziare a parlare di questo film: la prima è che mi piace sempre molto quando il cinema parla di se stesso, non solo in capolavori come Effetto notte, ma anche in film semplicemente piacevoli (come Hollywood Ending  o Hollywood, Vermont) e perfino in pellicole bruttine, come Disastro a Hollywood (in cui si poteva davvero fare di più); la seconda annotazione riguarda l’odio profondo che provo per Ben Affleck come attore, un odio fisico e inspiegabile, ma profondo, alimentato dal fatto che, comunque, sono costretto a stimarlo e a dargli credito per via del meritato Oscar per la sceneggiatura di Will Hunting. Continua a leggere

Per la libertà e qualità della tua informazione.

La forza della parola - libera, etica - salverà il mondo.

Sono giorni di riflessione (ulteriore) per chi è giornalista. Per chi scrive, retribuito o meno. Per chi sente forte il bisogno di condividere un dato, un’informazione, una bava di conoscenza. Per chi, come noi, pensa ad un modello di business, quello proposto dai giornali, che dopo decenni di stabilità e di forte marginalità, è davvero destinato ad un cambio di rotta epocale.

Continua a leggere

Spia e lascia spiare

Quando penso ad una spia sovietica mi viene in mente Ivan Danko, l’ufficiale culturista del KGB in gita turistica a Chicago interpretato dall’austriaco più’ famoso del mondo. E’ più’ forte di me, nonostante abbia divorato libri su libri, romanzati e non, ogni volta che penso a una spia mi viene in mente lui, nudo che lotta in mezzo alla neve con un terrorista georgiano. Un po’ perché’ detesto James Bond e mi fa cagare il Martini, un po’ perché’ a parte il Gorkij Park di William Hurt, e’ uno dei pochi film della mia infanzia che mi ha fatto annusare un pizzico di Russia Sovietica.

Continua a leggere

Rick Perry lascia – largo a Newt Gingrich

Myrtle Beach dopo Des Moine. Continua su questi schermi la carrellata dedicata alle primarie del partito Repubblicano americano, dal quale scaturirà prima o poi l’unico sfidante accreditato del Presidente più abbronzato della storia degli USA.

Continua a leggere