Arriva il quarto polo di Ingroia (per un totale di cinque).

Chigi - consiglio ministri - riforma giustizia

Questa foto non c’entra molto, ma non ho resistito…

Il 2012, dal punto di vista politico, si chiude con la definizione più o meno precisa di quella che sarà la situazione pre-elettorale dei prossimi due mesi; l’arrivo del Quarto Polo di Ingroia, le Primarie Parlamentari del PD, la creazione della Lista Monti, il solito Movimento Cinque Stelle e i colloqui tra Berlusconi e Lega determinano un sostanziale equilibrio a cinque. Prima di lasciarci per la pausa di Capodanno, proviamo a osservare queste forze, cercando di capirne pregi, difetti, punti saldi e punti deboli. Continua a leggere

Agenda Monti, Berlusconi e PD: considerazioni.

Monti conferenza 590Dal punto di vista logico, l’operazione che sta facendo Monti è assolutamente impeccabile. Gli amanti dei neologismi che non hanno nulla a che vedere con ciò di cui si parla, ma che suonano fighi, la chiamerebbero una mossa da post-politica: candidarsi senza candidarsi, costruire una coalizione senza costruire una coalizione, provare a vincere le elezioni senza prendere neanche un voto. Continua a leggere

Primarie PD: sarà ballottaggio.

Nonostante io non sia andato a votare (per motivi teorici complessi, che non vi spiego), il primo turno delle Primarie del Partito Democratico ha comunque avuto luogo e, mentre scrivo, è terminato. I risultati non sono sconvolgenti, ma piuttosto simili a quelli delle previsioni: sarà ballottaggio (il 2 dicembre) tra Bersani e Renzi; il primo si è attestato al 44,4%, mentre il “giovane” rottamatore ha totalizzato il 36,4% dei circa 4 milioni di voti. Tra gli esclusi dal  ballottaggio si distingue Vendola -che tiene intorno al 15%-, mentre restano in coda Puppato (2,9%) e Tabacci (1,2).

Continua a leggere

PD e matrimoni gay. Un’apologia.

Giusto due parole scritte velocemente (tra una roba e l’altra, mentre sto lavorando) sulla questione.

Premessa. Come dimostra questo vecchio articolo e come testimoniano tutte le accese discussioni che ho sostenuto dal vivo sul tema (ma di questo non ci sono prove), sono assolutamente favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, le quali, per quanto mi riguarda, dovrebbero avere il diritto di sposarsi civilmente (o di non sposarsi, se non vogliono) e adottare figli (sempre se lo vogliono) già da un bel po’ di tempo.

Continua a leggere

Politica post-elezioni: si ricomincia.

Dopo dieci giorni (e più) in cui il focus della politica italiana si è concentrato sulle amministrative e i risultati di tali elezioni, si torna a parlare dei temi portanti dell’azione di Governo e Camere. La cosa interessante è che queste questioni, messe tra parentesi durante la campagna elettorale e l’immediato post-voto, ora possono (e devono) essere affrontate secondo equilibri nuovi, grazie alla presa di consapevolezza dell’opinione espressa dai cittadini.

Continua a leggere

Dio forse c’è, Berlusconi sicuramente (Pdl, Udc, PD: il tripartito tra oggi e domani).

Bersani e Berlusconi

Una delle poche fotografie in cui Bersani e Berlusconi appaiono vicini.

Già qualche settimana fa, qui su Potato Pie Bad Business, parlavo di come l’eventuale nuova legge elettorale non sarebbe derivata solo da un freddo studio a tavolino, ma principalmente dalle dinamiche parlamentari e, in particolare, dai rapporti forza e di vicinanza tra i tre principali partiti che sostengono il governo attuale, ovvero (da sinistra a destra) PD, Terzo Polo e Pdl.

Continua a leggere

Repubblica Tecnico-Parlamentare Italiana

Sono un amante dei governi tecnici, tutti quelli che mi conoscono lo possono confermare. Trovo giusto affidare il Governo, in momenti particolari, a dei traghettatori che sappiano capire ciò che va fatto e siano in grado di farlo; trovo ancor più giusto che a limitare il potere di questi tecnici rimanga il substrato parlamentare per cui, come sta scritto, il Governo «emana» e il Parlamento, espressione del voto dei cittadini, «approva». Nulla di più di quel che definiamo Repubblica Parlamentare.

Ora, però, vorrei dire due cose; una sul Governo attuale e una sul Parlamento per come si compone oggi. Continua a leggere