Film Molto Brutti: Studio Illegale, Umberto Carteni (recensione)

trailer-studio-illegale

Andrea Campi è un avvocato in carriera ma non troppo. Gli orari di lavoro sono impossibili e infatti il suo compagno d’ufficio, disperato, si getta dalla finestra centrando la sua 500 nuova (gli sceneggiatori devono essere rimasti molto toccati dalla vicenda Pessotto- macchina di Bettega). A questo punto Andrea dovrà accollarsi la pratica del collega- l’acquisto di un’azienda di Pinerolo da parte di uno sceicco di Dubai- e dall’altra parte della barricata troverà una francesina tutto pepe. Ovviamente, un po’ per sincera attrazione e un po’ per carpire qualche segreto alla concorrenza, i due inizieranno a quagliare. Continua a leggere

Quattro pagine e finisce il Libro

Due giorni e mezzo al Salone del Libro di Torino.

Il Tempio industriale in cui a Torino hanno messo la Fiera Campionaria è il Lingotto, l’ex stabilimento della Fiat, con la pista di collaudo sul tetto. Eppure, anche se l’epoca dell’automobile come status symbol è forse conclusa, la Fiat rimane tuttora un punto di riferimento industriale del paese. C’è chi dice che la costruzione della metropolitana torinese, realizzata nel 2006 in occasione dei Giochi Olimpici Invernali, sia stata rinviata per decenni proprio in seguito a forti pressioni politiche del colosso degli Agnelli, che puntava a vendere un’automobile ogni due abitanti e, in quest’ottica, lo sviluppo della rete di trasporti pubblici avrebbe ostacolato la crescita della casa costruttrice. Al Lingotto di Torino oggi c’è il Salone Internazionale del Libro (Internazionale?), la fiera dedicata alla letteratura e alle pubblicazioni, ai librai e alle case editrici, un ambito commerciale che oggi non svolge proprio un ruolo centrale nell’economia del paese, come quello della Fiat. Il libro è in crisi nera di scrittori e di lettori. Continua a leggere

Charles Dickens fa 200

7 febbraio 1812 – 7 febbraio 2012

 “Non voglio essere il prodotto del mondo in cui vivo, voglio che il mondo in cui vivo sia un mio prodotto.” (Frank Costello, The Departed)

Londra, 1862. Industrie operose, meraviglie della tecnologia, fango e carrozze, palazzi di cristallo, treni, assassini, cappelli e librerie, Public House, puttane, lavascarpe, roditori, politici.
The restlessness of a great city, and the way in which it tumbles and tosses before it can get to sleep, formed one of the first entertainments offered to the contemplation of houseless people. It lasted about two hours. We lost a great deal of companionship when the late public-houses turned their lamps out, and when the potmen thrust the last brawling drunkards into the street.”

Continua a leggere