Isabeau consiglia: A CASA, di Toni Morrison

Marrison-Obama Grande 590Consiglio e recensione di Isabeau D.

Toni Morrison, premio Nobel per la Letteratura nel 1993 e vincitrice del premio Pulitzer nel 1988 con Amatissima, è la più importante scrittrice afroamericana contemporanea. Nel 2012 il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, le ha consegnato la Medal of Freedom, la massima onorificenza civile negli USA.
Nel suo nuovo romanzo, A casa, la Scrittrice ci racconta un altro pezzo di storia americana con la sua voce profonda e potente, che sa entrare nelle pieghe più nascoste dell’animo dei suoi personaggi e del loro mondo, per svelarne il dolore che li percorre, ma anche capace di rivelare una gioia di vivere che pare inesauribile, oltre ogni atroce violenza della storia. Continua a leggere

La Musica Così Come La Trovai – Run, Come See Jerusalem

SlaveryIl discorso, in fin dei conti, è molto più semplice di quanto possa sembrare: il blues è una musica ripetitiva, spesso monotona, nella quale spesso ricorrono gli stessi temi, gli stessi giri, le stesse dinamiche. Eppure, paradossalmente, le differenze che possono intercorrere tra un bluesman ed un altro bluesman, sono tra le più variegate e numerose che possiamo trovare sotto il sole. Continua a leggere

Cavaliere, a che gioco giochiamo?

Berlusconi 3 febbraioNel 2013, per adesso, ci siamo occupati relativamente poco di politica. C’è una ragione precisa per cui questo è avvenuto, ed è da ricercare nel mio particolare rapporto con le campagne elettorali: mi piace seguirle e mi piace parlarne con gli amici al bar, ma non amo scriverne. Quel che di solito provo a fare -per il mio puro diletto e senza la presunzione di giungere a conclusioni trascendentali- è infatti cercare di analizzare, al di là della singola notizia, la situazione politica per quella che è e per come credo che potrebbe dipanarsi nell’immediato futuro, e questo (a parte rari casi, come quello di oggi) non lo trovo possibile nella battaglia della campagna elettorale. Voglio dire: non sono un giornalista, non voglio fare il giornalista e non voglio spacciarmi come tale, quindi non provo piacere nel riportare pedissequamente le dichiarazioni giornaliere dei vari leader come un bollettino di guerra e, inoltre, odio il concetto di endorsement.  Continua a leggere

Weekend con il Morto – Nuto Revelli

Nuto Revelli_Alpini

La pagina Wikipedia di Nuto Revelli cita testualmente, «è stato uno scrittore, ufficiale e partigiano italiano». Tre titoli niente male per un uomo solo. Leggendo i libri di questo coraggioso Cuneo non è facile capire quale dei tre gli si attagli meglio. Ha dimostrato di essere un meraviglioso scrittore con le pagine sul Davai; è stato un ufficiale che tutti hanno descritto senza macchia e la cui attenzione ai dettagli delle persone si sono visti nel Disperso di Marburg; del partigiano siamo in grado di vedere i postumi pubblici che ne denotano lo zelo e la gentile ossessione verso la Libertà grazie a testi come La Badoglieide. Nuto Revelli una volta finita la guerra ha iniziato a camminare.

Continua a leggere

Top 5 – Super Bowl Half Time Shows

Picture 3La XLVII edizione del Super Bowl verrà giocata al Mercades-Benz Superdrome di New Orleans. Per questa partita i Baltimore Ravens affronteranno i San Francisco 49ers; gli allenatori delle due squadre sono fratelli di sangue; l’inno degli Stati Uniti verrà cantato da Alicia Keys; il giocatore che prenderà parte al match dal nome più divertente è Joe Flacco, QB dei Ravens.  E le vicende spotrive che siamo abituati a vivere noi Europei, per quanto queste possano essere di elevatissimo livello sportivo e mediatico, non hanno nulla a che vedere con la macchina spettacolare e spietata che muove gli ingranaggi dell’evento televisivo americano più seguito in televisione. Spettacolare perché mette al lavoro geni della produzione come Hamish Hamilton, Don Mischer e Radio City Music Hall. Spietata perché la potenzialità comunicativa del mezzo viene espletata in tutta la sua forza commerciale. Ecco 5 tra gli show più memorabili eseguiti durante la fine del primo tempo di una partita che, francamente, di sportivo ha molto poco e che, anzi, sembra una partita di Trenches of The World. Molto meglio l’Half Time Show.

Continua a leggere

Mario Balotelli, Umberto Previti, Salamon e la medina del calciomercato milanista

"Se vuoi giocare nell'attacco del Milan devi avere la cresta"

“Se vuoi giocare nell’attacco del Milan devi avere la cresta”

Fu così che finimmo in un vicolo cieco quando eravamo altresì convinti di aver percorso  la strada esattamentea ritroso. Eravamo usciti da uno studio dentistico di Fes che avevamo visitato per capire come poteva essere uno studio dentistico all’interno di una medina marocchina delle più famose. Percorremo la strada a ritroso per tornare al punto di partenza, eppure ci trovammo di fronte un muro e alle spalle alcuni ragazzetti che se la ridevano di gusto. Sù per giù è questa la sensazione che ho provato alla chiusura di questa sessione invernale di calcio mercato, meticcia di politica e marketing, zeppa di dispetti e pettegolezzi, come fosse stata gestita dal parrucchiere tra una messinpiega e l’altra.

Continua a leggere

Post Artefiera 2013 – un altro mondo

Ian Davemport

Ian Davemport

Anche quest’anno la più grossa ce la siamo tolta, come direbbe un vecchio amico di famiglia. Artefiera è passata, segnando ben il 15% di visitatori in più rispetto alle scorse edizioni, per un totale di circa 40.000 ingressi. Mica male.
Una celebrazione dell’arte italiana a tutti gli effetti, con netta predominanza – che ancora resiste nonostante le nuove tendenze internazionali – della pittura, soprattutto figurativa, e del genere scultoreo. Continua a leggere