La Musica Così Come La Trovai – Bluegrass

Earl Scruggs: la cosa migliore che sia mai capitata ad un Banjo. Guardatelo nell’ultimo video mentre scorda e riaccorda una corda suonando.

La dicitura Bluegrass deriva dai Bluegrass Boys di Bill Monroe, un supergruppo del Kentucky degli anni quaranta, formazione in cui hanno militato tutti i mostri sacri del genere, tra cui anche Earl Scruggs e Lester Flatt. Per musica Bluegrass si intende quel particolare tipo di roots music sorto nell’area dei monti Appalachi tra gli anni ’30 e ’40 del XX secolo che prevedeva la presenza di almeno tre dei seguenti strumenti: banjo (a cinque corde), chitarra, mandolino, fiddle. Bluegrass, quindi, non significa per forza di cose musica del Kentucky (conosciuto come “The Bluegrass State”, per ragioni extramusicali.).

Quando mi arresteranno sarò particolarmente preoccupato per due cose: la grande difficoltà che quella missione chiamata “mantenimento della verginità anale” comporta, e l’impossibilità di tornare a casa ubriaco alle cinque del mattino per ballare musica da bifolco mentre cerco altri liquori.

La prima volta che ascoltai un pezzo bluegrass stavo guardando la splendida Faye Dunaway in Bonnie&Clyde, è normale che questo tipo di musica mi sia rimasto nel cuore. Foggy Mountain Breakdown di Flatt&Scruggs accompagna una delle scene meglio riuscite dell’intera storia del cinema, quella in cui i banditi si danno alla fuga in macchina per la campagna americana, diretti verso lo stato dell’Oklahoma, sparacchiando e ridendo come dei matti. Al di là della perfezione tecnica di questa scena (si tratta probabilmente del film con più innovazioni tecniche che io abbia mai visto), va detto che la scelta della colonna sonora non poteva essere più azzeccata. Le canzoni del repertorio bluegrass parlano spesso di situazioni in cui la gente fugge, o va da qualche parte con una grande fretta. Andrò di fretta anch’io, elencandovi tutta una serie di motivi per i quali adoro il bluegrass.

PICCOLA GUIDA RAGIONATA AL BLUEGRASS.

Il Modo In Cui Mi Abbronzo: Avendo l’abitudine di andare spesso a piedi e di giocare a tennis, mi capita di abbronzarmi solo in faccia, sul collo, e sulle braccia. Questo fa di me un perfetto bifolco. E un bifolco non può non amare il bluegrass.

Le tematiche: il bluegrass, come dicevo pocanzi, parla spesso e volentieri di gente in fuga o in viaggio, un po’ come la musica tradizionale irlandese. Generalmente vengono raccontate storie di lavoratori stagionali che tornano a casa dalle loro fanciulle, o dei mezzi per il trasporto della corrispondenza. Molto utilizzata è la figura del viaggio religioso. Si tratta di una religiosità spontanea, sincera, tipica di chi si considera ancora ben lontano dalla meta. Se Agostino fosse stato un musicista, avrebbe suonato bluegrass. Altra grande tematica è quella della galera. Un film che riesce a cogliere molto bene l’essenza del bluegrass è senza dubbio “Fratello Dove Sei?” degli ottimi fratelli Coen, si tratta del film bluegrass per eccellenza.

La Mia Scarsa Abilità Come Ballerino: Ballare, per me, è una punizione, un castigo, una piaga divina. Ogni volta che non do un soldo a una zingara mi viene subito in mente che nel corso della giornata, a causa della sua maledizione, potrebbe capitarmi di ballare. Ballare bluegrass è per me il solo modo di ballare decentemente, questo perché l’unica cosa da fare per ballare decentemente il bluegrass è essere ubriachi. E io sono ubriaco.

Il Fiddle: Il violino nella musica folk si chiama fiddle. Non ci sono parole per descrivere adeguatamente cosa succede quando sento suonare un fiddle. È come se quello strumento, da solo, riuscisse a tirare fuori tutte quelle cose di cui ho parlato alla voce “tematiche”, rimescolandole e facendole viaggiare a una velocità folle.

Il Banjo: Il punto d’incontro, l’anello mancante, uno strumento che potrebbe tranquillamente essere utilizzato come bandiera degli Stati Uniti d’America. Di origini africane, il banjo è diventato Lo Strumento del bluegrass, un genere musicale che è nato e si è evoluto in quegli stessi stati in cui lo sport nazionale era la caccia al negro.

Il Breakdown: diretto discendente dell’irlandese reel, il breakdown è solitamente un pezzo strumentale suonato a velocità folle da ballare scontrandosi con diversi oggetti domestici. Apoteosi del fiddle e del banjo.

Le Armonie Vocali: Il modo in cui queste persone riescono ad impastare insieme le loro voci è semplicemente eccezionale. C’è poco da dire, se non che ogni grande complesso vocale successivo deve al bluegrass la sua stessa esistenza. L’ABC dei Beatles, per intenderci.

Huckleberry Finn: Ognuno pensa a quello che vuole quando ascolta musica. Quando sento bluegrass sono su di una zattera che corre su un fiume enorme in compagnia del buon Jim.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...