Top 5 – Indumenti assurdi.

Lady Gaga e il suo celeberrimo meat dress.

Non c’è un modo soft di iniziare questa Top 5.

5 – Guanti senza dita

Guanto senza dita da http://www.abitiantichi.it

Qui sopra potete ammirare un singolo guanto in taffetas di seta color avorio, risalente al 1770 circa.
A quanto pare un grande classico per la donna di fine settecento, il guanto senza dita è pura avanguardia. Lascia totale libertà di movimento alle dita e non ripara dal freddo, perché, se va bene, è di seta. Copre il polso, non sia mai. Non previene dal contatto coi microbi, germi, starnuti e odori degli avventori della metropolitana (nel caso voleste usarlo per andare al Salone del Mobile ricordate di abbinarlo con un bel due/tre litri di Amuchina).
Per il resto è fantastico: pratico, comodo, praticamente è come non averlo.

4 – Cappelli di paglia, secondo loro.

Cappello in paglia http://www.abitiantichi.it

Il cappello di paglia è fresco, ripara dal sole ed è di paglia. Ochei, prendendo in considerazione questi tre punti, sembra quasi impossibile definire quello qui sopra un cappello di paglia inefficace. Mi duole ammettere che fa tutto quello che fa un cappello di paglia. Risale al 1800, anche se, pare, che questo tipo di copricapi imperversasse già dalla seconda metà del 1700, e io mi lamento di aver vissuto il periodo dei pantaloni con la zampa tagliata di lato. Attenzione, però, l’esemplare che vedete ha una marcia in più. Qualora foste preoccupati di riuscire a controllare se arrivino delle macchine quando attraversate, o non vogliate assolutamente rinunciare a voltare tutto il corpo – e non soltanto il capo, per carità – per guardare in faccia una persona o una cosa che non vi sia esattamente di fronte, questo è il copricapo che fa per voi!

3 – Sellino.

Sellino imbottito di crine http://www.abitiantichi.it

Sono nata e cresciuta in un periodo storico in cui le forme femminili ideali tendono alla filiformità quando va male, alla giusta proporzione tra posteriore e anteriore quando va bene. Il fine di questo sellino imbottito di crine, classe 1872, mi sfugge senz’altro. Non è certo necessario dire molto, ma vorrei che vi soffermaste un momento sull’idea di fondo. Uno strato, un pezzo di biancheria intima che invece di sorreggere e sottolineare (a rischio di essere menzognero) il decollète ingrandisce ed evidenzia il deretano. Contenti loro.

2 – Biancheria o barche a vela?

Tournure di lino irrigidita con stecche metalliche (dieci stecche più lo spazio per altre due), 1886, vedi sopra.

1 – Sottogonna imbottita.

Sottogonna imbottita http://www.abitiantichi.it

Evvai, qualcuno finalmente ha pensato a quei poveracci che, come me, hanno quei due tre problemi a uscire dal piumone. Con questa splendida coper… ehm sottogonna, non sarete più costretti a invocare calamità naturali chiedendo loro di far accadere qualcosa che vi dia una scusa per non uscire dal letto. Potrete anzi dare l’illusione di essere svegli ma continuare a dormire, camminando, guidando (sempre se riuscite a entrare in macchina, ovvio), portando a spasso il cane, andando al lavoro o al pranzo della domenica, meglio se quello di Natale. Aspettiamo con ansia che lo stilista completi la collezione con una sottoveste imbottita, da indossare comodamente sotto t-shirt, golf, gonna e cappotto.
P.S. : Se vi chiedete perché il deretano non sia imbottito andate a ripassarvi il punto tre.

P.P.S. : Ringrazio immensamente abitiantichi.it che con la sua collezione ha ispirato questo mio scritto e ci tengo a rassicurare chiunque possa pensare che non darei un occhio della testa per avere tutti i vesti fotografati nel sito. Non è così: potete prendervi pure il naso e le orecchie.

Sofia De Matteis

Annunci

One thought on “Top 5 – Indumenti assurdi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...